SITUAZIONE ATTUALE ED EVOLUZIONE

 

Il weekend sarà contrassegnato da un moderato peggioramento delle condizioni atmosferiche. Questo avverrà a causa di un nucleo depressionario di matrice atlantica, che, formatosi tra la Spagna ed il Nord Africa, attraverserà il Mediterraneo da ovest verso est, raggiungendo dapprima le regioni meridionali e successivamente l'Egeo. Questa configurazione barica avrà un doppio effetto; il primo sarà quello di attivare fresche correnti dai Balcani verso l'Adriatico, che faranno scendere le temperature di qualche grado, mentre il secondo effetto sarà quello di riportare nubi compatte e precipitazioni sparse sul medio-basso versante Adriatico. Tornerà anche la neve dalle medie quote appenniniche, con accumuli moderati sul Gran Sasso. Le prime proiezioni dei modelli meteorologici iniziano a mostrare segnali di stampo invernale per la prossima settimana. Una saccatura depressionaria di estrazione artica potrebbe avere come target principale la nostra Europa, con il suo seguito di aria molto fredda. Quali saranno le zone europee più colpite è presto per dirlo, ma è probabile che inizierà una fase meteorologicamente dinamica, tipica dei mesi tardo-autunnali, che metterà fine al regime anticiclonico, da diversi giorni predominante sulla scena mediterranea.  

 

La giornata di domenica vedrà cielo coperto sul settore costiero fino alla serata, quando si apriranno locali schiarite. Sul settore interno, invece, la nuvolosità sarà più irregolare. I fenomeni risulteranno diffusi ed intensi sulla fascia centro-orientale della regione, localmente moderati. Spostandosi verso ovest, le precipitazioni si faranno più deboli e meno probabili. Quota neve in calo dagli iniziali 1800 metri fin verso i 1500 metri del tardo pomeriggio, quando i fenomeni inizieranno ad attenuarsi a partire da nord. Temperature minime in aumento, massime in calo. Ventilazione moderata, dapprima da est ed in successiva rotazione da nord-est. Mare mosso o molto mosso.

 

La giornata di lunedì si aprirà con nuvolosità irregolare al primo mattino. Nel corso delle ore la nuvolosità sarà più frastagliata e lascerà spazio ad ampie schiarite. Non sono previste precipitazioni significative. Temperature minime in leggero calo, massime stazionarie. Ventilazione moderata da nord sul settore costiero, debole da est sui comparti interni. Mare molto mosso.

 

- Francesco De Angelis -

 


 

SITUAZIONE IN ATTO

Sinottica su scala europea

Immagini satellitari Europa

Immagini satellitari Italia

Radar precipitazioni Italia

Fulminazioni live centro Italia

Radar precipitazioni centro Italia